Alto Adige

Canederli, finferli e speck. Tornata dall’Alto Adige avrò detto queste tre parole decine e decine di volte! Ho assaggiato, sperimentato e a volte anche bissato piatti tipicamente altoatesini, quei piatti “da montagna” che ti riempiono gli occhi, lo stomaco e lo spirito. Ed ecco, a conclusione di questo incredibile viaggio enogastronomico, la top 5 dei ristoranti in Alto Adige da non perdere!

Pitzock

Il Pitzock si trova nell’incantevole Val di Funes (ve ne ho parlato qui), esattamente nella frazione di Pizzago. 30 coperti, prodotti freschi e locali (e per locali intendo proprio del giardino, della valle o degli immediati dintorni), e specialità che difficilmente riuscirete a trovare altrove … tipo? Tipo i piatti a base di “Villnösser Brillenschaf”, la “pecora con gli occhiali” della Val di Funes, dalla carne tenera, aromatica e magra con un leggero sapore di selvaggina. Ottima. O meglio, straottima. Io ho assaggiato lo stinco d’agnello del Villnosser Brillenschof su risotto Vialone Nano … eccolo qui, in tutta la sua bellezza.

Ristoranti Val di Funes: Pitzock Alto Adige

Arriviamo a quello che è stato definito “l’emblema del food porn”, il cappuccino d’ortica con schiuma d’asparagi e Tirtl ripieno di broccoli di torbole … in due parole, sincere e concise, solo questo vale un viaggio in Alto Adige!

Pitzock Alto Adige

Il padrone di casa è Oskar Messner, uno uomo illuminato, oltre che grande chef, attento al recupero delle tradizioni e dei prodotti della sua valle. Cosa mi ha colpito di più? L’attenzione riservata da Oskar nel presentare ogni singola portata a tutti i suoi clienti ^_^ Il mio consiglio è quello di concedervi un pranzo/cena nella stube o in terrazza (con una sensazionale vista panoramica sulla valle), farvi consigliare un vino da Oskar e cercare di assaggiare quante più specialità possibili (i dolci, non dimenticate i dolci!).

Pitzock Alto Adige

Curiosità: a Funes 15 anni fa erano rimaste solo 150 “pecore con gli occhiali”; oggi, grazie a un grande lavoro di recupero genetico, sono aumentate a 600. Le si riconosce dagli anelli neri attorno agli occhi, gli “occhiali”, e la colorazione nera di un terzo dell’orecchio!

Vögele

Qui ho assaggiato per la prima volta i famosi canederli di speck, accompagnati da una ricca porzione di saporitissimi finferli rosolati. Il tutto preceduto da un tipico antipasto alla tirolese con salame di selvaggina, carpaccio di cervo, speck, testina di vitello con insalata di canederli e formaggio “Zigger” con cipolla! Il Vögele è il ristorante più antico di Bolzano; durante la guerra era base di incontri segreti, a cui si poteva accedere solo pronunciando la parola d’ordine “Vögele”, da cui poi ha preso il nome. Si trova nel centro della città, vicinissimo alla centrale Piazza delle Erbe. L’ambiente, con le luci suffuse e l’arredamento in stile Biedermeier, è davvero molto accogliente. Tra le specialità della casa le “Erdäpfelblattln” della nonna, le tradizionali fritelle di pasta di patate!

Fischbänke

Bella la location (due enormi banchi del pesce in marmo bianco adibiti a tavoli), ottime le bruschette, fenomenale il famoso proprietario, il mitico Rino Zullo, più conosciuto come Cobo: ecco 3 motivi per passare dal Fischbänke! Il locale, ormai un cult, esprime appieno il genio creativo di Cobo e le contaminazioni dei paesi in cui ha vissuto: un’esplosione di colori, note e sapori! Ordinate un Hugo, un paio di bruschette e regalatevi una chiacchierata con lui … fidatevi!

Fischbänke Bolzano

Finsterwirt – Oste Scuro

Facciamo un salto a Bressanone, in uno dei “Locali storici d’Italia”, aperto nel 1870. Il ristorante si trova in un bellissimo palazzo storico del XIII secolo, l’ambiente è di quelli “seri”, con antichi quadri alle pareti e preziose collezioni di armi, e lo chef, Hermann Mayr, è rinomato come uno dei migliori cuochi dell’Alto Adige. Personalmente non potevo non buttarmi a capofitto in un’altra specialità altotesina, ovvero, negli “Schlutzkrapfen” agli spinaci con formaggio Graukäse della Valle Aurina. Deliranti!

Oste Scuro Bressanone

Curiosità: di qui è passato anche il Dalai Lama!

Batzen Bräu

Birra (rigorosamente artigianale), ambiente easy, carne alle griglia e tanta felicità! Se siete tipi da “tavoli in legno” e “tovaglie di carta”, questo birrificio nel cuore di Bolzano fa proprio al caso vostro. Qui ho bevuto (tanta) ottima birra – ce ne sono di tre tipi-, ho ri-assaggiato i tanto amati canederli e gli schlutzkrapfen, e ho divorato – chiaramente con le mani – cosciotti, stinchi e zampine! Bello … e buono.

Batzen Bräu Bolzano

Ora non vi resta che andare in Alto Adige e ripercorrere i miei passi … buon appetito!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>