longo-boccolini-barbieri

Boccolini-Longo-Barbieri. Foto rubata alla prima per 3 motivi: il bellissimo panorama alle nostre spalle, fatto di nebbia fitta fittissima, ricorda che anche in Sicilia a volte (ma a volte) non splende il sole; ridere sotto la pioggia non è da tutti; volevo queste due donne in un post ad cazzum del 2014 per più motivi, ma in ultimo per il gran bel brindisi del 5 novembre. Belle!

Milano e i ristoranti. Sono arrivata in un ristorante travestito da trattoria e chiamato latteria, gasata dalla frase “qui vengono a pranzo quelli del Corriere”, frase che nella mia mente riecheggia come “qui vengono a pranzo orde di australiani, alti biondi e oliati”. Subisco il fascino del giornalista del Corriere, ancora, come una teen. Comunque, circa 8 tavoli, piccolo piccolo, con una signora (suppongo la proprietaria) tra il riot e l’ad cazzum per l’eccellenza: “perché non hai messo l’olio sulle patate??! Tieni, fa bene all’intestino! E poi è toscano, è buono” e vai con una valangata di olio sulle patate. Il tutto parlando in italiano con degli inglesi che non avranno capito una mazza. Democrazia e possibilità di scelta pari a zero. Magari sei intollerante all’olio toscano e potresti morire, ma almeno muori con l’intestino sano. Il polpettone all’Artusi, specialità delle specialità, era ovviamente finito, non riesco ancora a spiegarmi come la mia scelta sia stata un semplice paillard di vitello. Buono sì, davvero, ma troppo da fighetta milanese a dieta. Rose, rose ovunque, anche una rosa attaccata ad una mongolfiera a sua volta attaccata ad un lampadario… un po’ cucina della nonna dai gusti kitsch, un po’ giardino di Candy Candy. Prezzi non proprio da trattoria. Per esprimermi al 100% devo tornare per il famoso polpettone. Latteria San Marco, Via San Marco 24

Milano e l’ansia. La location è sempre la trattoria sopracitata. Io sono lenta, amo essere lenta e voglio continuare a vivere nella lentezza. Quindi se ordino il paillard, me lo porti dopo 4 minuti, lo mangio in 5, mi togli il piatto dopo 2 da quando lo vedi vuoto, mi chiedi se voglio un dolce, me lo porti dopo 1 minuto, lo mangio in 2 e dopo 3 mi porti il conto, in 4 semplici parole: mi fai venire l’ansia. A manetta. Fatemi godere una cena, non fatemi bere l’ultimo calice di vino a cicchetto e portatemi il dolce almeno dopo 10 minuti. Questa è una cena, tutto il resto è un mangiare per inerzia giusto per tappare i buchi. No no, non ci siamo.

Capitolo colazione. Se al bar non in piedi, non tra mille persone, non con il cornetto in una mano e il caffè nell’altra. Seduti, sempre. In realtà la colazione è a casa, punto.

Come ho risolto il blocco dello scrittore che mi ha colpito per 3 lunghi interminabili giorni. Nell’ordine: ho messo in un barattolo di Nutella 4 manciate di cornflakes e li ho mangiati a cucchiaiate; ho eliminato l’eliminabile degli ultimi 10 anni pensandoci 5 secondi netti; ho rivisto questa puntata di Grey’s Anatomy, la stessa che rivedo tutte le volte che ho bisogno di pensare “sì, c’è qualcuno che sta peggio di me”, Izzie.

Cagliari: molto molto bella. Quartiere Castello: il mio. Dormire in un attico-mansarda: perfetto. Ichnusa: potrei tradire la Peroni solo per te. Pizzetta: e vabbè niente di che!

cagliari

Longo vs Sky Sport. In 31 anni di vita non mi ero mai svegliata alle 7.30 per andare da una receptionist di un hotel e chiedere “si vede Sky sport?” In 31 anni di vita non avevo mai coadiuvato 2 sante donne nella risoluzione dell’arcano mistero “perché Sky sport si vede ovunque tranne che in questa camera?”. A 31 anni ignoravo l’esistenza di Sky sport HD, Sky Sport 1, Sky Sport 2, Sky Sport Tennis, Sky Sport qualsiasicosanchedipiù. Francesca e Anna, solo una parola: grazie. Se passate da Cagliari e cercate un hotel con belle camere con parquet e soppalco, idromassaggio, Sky (ormai è una questione di principio) e una colazione che va dalla torta paradiso al salmone, dal latte di soia (olèèè) al fontana di cioccolato, il tutto ad un costo superdemocratico (junior suite a 80 auro con offerta Booking) segnatevi questo nome: Hotel Flora, Via Sassari 45. Si stava meglio quando non esisteva la tv, questo è certo.

Hotel con temperature in camera al di sotto dei 25 gradi, doccia con tendina di plastica, asciugacapelli a tubo, presa di corrente a 8 km dal comodino, no Wi-Fi o Wi-Fi a pagamento o Wi-Fi solo nelle aree comuni: DICO NO! Il freddo snerva, la tendina di plastica è la cosa meno igienica del mondo, l’asciugacapelli a tubo non asciuga e smoscia i capelli, buttarsi giù dal letto in un nanosecondo per spegnere la sveglia fa iniziare molto molto male la giornata, senza Wi-Fi ¾ dell’umanità non può lavorare/non può postare michiate su Facebook/non può vedere la doppia spunta blu su Whatsapp/non può vivere. Se avete 8 stelle e una di queste mancanze per me è NO.

Palestina e Torino. La comunità ebraica di Torino ha chiesto la chiusura della mostra “Lungo viaggio della popolazione palestinese rifugiata” organizzata dall’Unrwa (organizzazione dell’Onu) causa “propaganda politica ostile a Israele”. Io chiedo ai miei amici di Torino e provincia di andare in massa a vedere questa mostra, la storia di un esodo iniziato nel 1948. La storia è storia, non ha riadattamenti, non può essere addolcita. E per inciso, la cultura dovrebbe essere dibattito non censura. Dove: Museo Diffuso, Corso Valdocco 4/A. Qui tutte le info.

Domanda: quando l’uomo da rispettosa scimmia si è trasformato in cafonissimo bipede privo di senso? Un aereo è un aereo, non è il divano di casa, non è l’amaca in giardino, non è la propria macchina.

Ryanair

Voglia di Serbia.

E all’improvviso nella mia vita arrivarono i The Flying Pickets. I Neri per Caso inglesi, meravigliosi. La loro versione di She drives me crazy è SUPERIORE!

Eleganza e superiorità, sempre: un principio di vita.

Da martedì vi tormenterò anche in radio. Con la cara Valentina, amica di canzoni stupendissime e di tanto altro. Titolo scelto per questo nuovo successo radiofonico: Citofonare Malgioglio. Non aggiungo altro.

Questa è la spiaggia di Gaza. Ogni anno a luglio i bambini dell’angolo di mondo più popolato della terra si riuniscono per una sorta di festa degli aquiloni. Ecco una delle cose che vorrei fare nel 2015.

Gaza-beach-kite

  1. belle e sorridenti anche nella nebbia. Ora tu pensa se tutte e 3 andassimo al mare…io faccio così per dire, eh, ma continuiamo pure a sognare luoghi post sovietici o immersi nella nebbia!

    • Ora pensa a uno spritz bevuto sotto una palma dopo aver fatto snorkeling (tu!)… Sara in un museo (sempre perché lei è cluster cultura) che ci raggiunge sotto la palma con un mojito e un invito a una serata afro… io che mi ustiono dopo aver vegetato ore ore e ore su un materassino in mezzo a un mare cristallino… sogna.. sogna… sogna… e poi rispondi a questa domanda: quando andiamo in Serbia???

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram Access Token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

Error: No posts found.

Make sure this account has posts available on instagram.com.