Ho trovato questa foto, scattata in Norvegia nell’unico bar di Skjerjehamn, “il fiordo in cui ti accolgono con un caffè e un indimenticabile waffle alla marmellata di fragole”. Accogliente, silenzioso, caldo e così curato nei dettagli da sembrare casa: dalla candela accesa ai cuscini. Erano davvero anni che non capitavo in un posto così intimo, un posto che, per quanto mi riguarda, vale assolutamente un viaggio. Segnate e ri-segnate.

Mi sono presa, cito testualmente, della ‘sciocchina’. Ma partiamo dalla cosa fondamentale, ovvero, che ad affermarlo sia stata una giovane donna in ballerine e calze color carne.
Giovane donna in calze color carne: “No, ma davvero ascoltavi i Take That? Dovevi essere proprio una sciocchina! Pensa, oggi vai in Iran…” Giovane donna sempre sul pezzo, ovvero, io: “Sure, Nobody Else! Never forget but Everything Changes!”
4 titoli sparati in sequenza. Una risposta che vale un’adolescenza divisa tra Cioè e decine di proposte di matrimonio spedite ad improbabili indirizzi al “Sig. Mark Owen”.
Ora, forse mi sfugge il naturale corso delle cose e chiedo venia, ma quanti di voi a 10 anni canticchiavano con un Tegolino tra le mani Mi sono innamorato di te di Tenco? Quanti pensavano al biondo della V B con la Serenata Notturna di Mozart in sottofondo? Oggi vado in Iran, ieri ascoltavo Take That, Backstreet Boys e non contenta pure gli Nsync. Ieri, per dovere di cronaca, andavo anche a Ibiza, isola nella quale tornerei tutt’oggi mille e mille volte. Ah, la vita.
Care mamme, mi rivolgo a voi. Tranquille se vostro figlio con il Plasmon in mano ha occhi solo per Peppa Pig, non siate terrorizzate e, soprattutto, siate fiduciose, magari nel suo futuro non ci saranno solo happy hour con i figli di Amadori e i nipoti di Levoni ‘orgogliosamente buoni’: nella vita c’è speranza per tutti. Tranne che per le giovani donne in ballerine e calze color carne.
Godeteveli.

A volte mi capita di non essere prolissa. A volte i miei pensieri non superano i 30 caratteri spazi inclusi. A volte, molto molto raramente…

Accetto l’immotivata malinconia.

Credo nel potere salvifico della fuga.

Dico no più spesso di quanto dica sì.

Elimino l’inutile.

L’omelette è amore.

Ignoro chi ignora.

Merito un Natale in Libano e un compleanno in Palestina.

Omettere: bella parola del cazzo.

Quoto chi viaggia dopo aver sfogliato un libro di storia.

Rido delle vite urlate e condivise.

Saluto tutti. Ma proprio tutti. Tutti tutti tutti.

Torno a ribadire una verità: dovreste essere tutti del segno dei pesci.

È ufficiale: è arrivata la metà così diversa ma così perfetta del mio io viaggiatore.

Il paese in cui gli uomini durante una conversazione si tengono per mano in segno di rispetto. Il paese del tè alla menta e del couscous. Il paese in cui tra tanti ho deciso di tornare, spodestando nientepopodimeno che l’amato Portogallo. Una manciata di giorni e sarò di nuovo in Marocco e, soprattutto, in Piazza Jemaa El Fna alla disperata ricerca dell’uomo con la gallina in testa. Au revoir!

marrakech-jemaa-el-fna

Giornata tipo. Appena aperti gli occhi bevi la tua bella tazza di latte in compagnia di esimie sconosciute con una ghirlanda di fiori in testa e una pelle liscissima. In bagno ti dedichi alla famosa rassegna della tuttologia popolare gentilmente e gratuitamente offerta da Facebook. A metà mattina non la vuoi scattare una bella foto della tua bella tazzina di ceramica bianca, sul tuo bel tavolino bianco, con una bellissima rosa bianca a dare colore al tutto? E poi non la vuoi pubblicare su Instagram? Mica è da tutti bere un bel caffè gelido in una bella tazzina di ceramica bianca su un bel tavolino bianco, chiacchierando amabilmente con una bellissima e logorroica rosa bianca. A pranzo insalata colorata e mani che prendono il pane dal cestino. E già pomeriggio, accidenti… chissà se Erdogan ha deciso di inventarsi un nuovo colpo di stato… mmmmhhhhh, vabbè vediamo su Twitter. Aperitivo, finalmente: selfie bomba con i filtri di Snapchat! Muso di piccione e farfalline che svolazzano in testa, su. Come passa il tempo, è già ora di cena… speriamo nella luce giusta per fotografare le costolette di maiale, cazzo!
Si stava meglio quando si stava peggio. Ma proprio alla grande.

Ho incontrato Chris, dopo circa 2 anni e tante vite fa. Forse è vero che l’amore è più forte della rabbia, più forte della disperazione, più forte del vuoto, più forte anche della morte. Ha ragione lui. E chi ha ragione va sostenuto, incoraggiato, incitato, seguito, abbracciato e baciato. Ecco come sostenere concretamente Chris e far parte di questa sua nuova vita.
Raccolta fondi per la fibrosi cistica
Marta4Kids Onlus
Iban: IT48X0200860260000104117188
info@marta4kids.com

Bologna, ancora una volta. Sia benedetta l’Osteria del Sole, sia benedetta la lasagna alla bolognese, siano benedette le tigelle di Zero Cinquantino ma, sopratutto, sia benedetto Tiger e quel sano, immacolato bisogno di spendere soldi alla cazzo. D’altronde nella vita si ha sempre bisogno di 128 stickers a forma di cuore e di una cannuccia per bere da due bicchieri contemporaneamente, sì.

Aris Messini. Da seguire, assolutamente.
Foto scattata nel campo profughi di Schisto, Atene.

aris-messinis

“L’arte di scriver storie sta nel saper tirar fuori da quel nulla che si è capito della vita tutto il resto; ma finita la pagina si riprende la vita e ci s’accorge che quel che si sapeva è proprio un nulla.” Il Cavaliere inesistente, Italo Calvino
Il monito per chi scrive e per chi scriverà: ‘quel nulla’ è tutto.

Avevo deciso di chiudere con i Wallflowers, ma Virgin ha deciso di rendere perfetto il mio pomeriggio di pioggia, tè iraniano e Yankee Candle alla vaniglia, con Ben E. King. Che l’autunno sia con voi.

    • Quindi oltre le mie innumerevoli proposte di matrimonio ha ricevuto anche le tue? Quante fortuna che si è fatto sfuggire! Cara Giovy, farti compagnia con questi post durante i tuoi viaggi in treno è sempre un piacere, spero di vederti prestissimissimo! Un bacione

    • Sto pensando di fare un figlio solo per partecipare alla castagnata… tra i tanti motivi mi sembra il più valido sinceramente! Gattei, quando quandoooo ci vedremo???? Questo amore è una camera a gas! I love you ❤❤❤

  1. Volevo invadere questo “leave a reply” con una valanga di appicicosissimi e zuccherati cuoricini. Rossa sei il top! Ma che te lo dico a fa’? Smack!

    • ❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤ parlavi di questi????!!!! Golix lasciatelo dire, anche se FORSE mandi meno cuori di me sei il top anche tu! Tanti baci dalla casa dei cuori :D

    • Volevo solo dirti che non invidio gli angeli di Victoria’s Secret o il conto in banca di Paris Hilton, quanto invidio te in questo momento! Puoi dire a Mark Owen che nonostante il suo essere un cinquantenne nanerottolo con la faccia da adolescente io lo amo ancora alla follia??!!! In cambio ti faccio fare la madrina del nostro bebè!

  2. Forse ti sei chiesta che fine ho fatto, eccomi di nuovo qui da te principessa. Ho lasciato dusseldorf e sono tornato in puglia, quindi ora posso rapirti e portarti su uno scoglio a mangiare le cozze!!!!!! Visto che non parli più di sciatt forse hai messo un po’ di sale in zucca, promettevi bene, finalmente ci sei arrivata! CI vedremo e ti farò innamorare, cerca di mantenerti giovane e brillante

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>