Alto Adige, comune di Racines. Una valle incantata lunga 18 km, che parte da Vipiteno e arriva a Masseria: benvenuti in Val Ridanna.

C’era una volta,
una bambina cresciuta tra le maestose montagne della Val Ridanna. La vita della piccola Moidl era scandita da scorribande nei prati, nascondino nei boschi e bagni nei laghi; ma, a 3 anni, una strana sorte la segnava per sempre: la bambina iniziò a crescere a dismisura, raggiungendo i 2,17 metri di altezza. Moidl diventò per tutti la Gigantessa di Ridanna, sì, proprio tutti: chiunque ne parlava, chiunque la cercava, chiunque bramava ingaggiarla per esibirla in pubblico. 172 kg, lunghi vestiti e un cappello a cilindro: la ragazza girò l’Europa in lungo e in largo sottoponendosi, nella sua breve vita, alla curiosità di migliaia di occhi stupefatti.
La gigantessa di Ridanna è sicuramente da inserire tra le persone straordinarie della valle, tanto da essere rappresentata a grandezza naturale nel Museo delle Miniere.

Ho deciso di partire dalla vita di una donna dal cuore grande quanto il suo corpo, per raccontarvi la Val Ridanna, un incantevole angolo di mondo in cui pace e bellezza si fondono fino a confondersi. Valle di cime da scalare, pittoresche cascate, laghi suggestivi e famose miniere: il cosa vedere in Val Ridanna passa da questo e, sempre, da quella ineguagliabile sensazione di incontaminato che solo la montagna restituisce.

Cosa vedere in Val Ridanna

Val Ridanna: giro dei sette laghi

Lago dell’Erpice, i 3 laghi Senner Egetenseen, Lago Torbo, Übeltalsee e Pfurnsee: acque cristalline, alpi dalle cime innevate e cielo azzurro. I 7 laghi della Val Ridanna rendono più concreta e tangibile l’astrattezza della parola “bellezza”, questa è la mia personalissima conclusione.

Il giro dei 7 laghi della Val Ridanna, in una escursione di circa 8 ore, conduce in uno scenario incredibilmente incontaminato in cui la natura si concede senza lesinare un minimo del suo splendore. Seppur impegnativa, non posso che consigliarla agli animi predisposti al cammino, alla natura e, soprattutto, alla bellezza. L’escursione parte dal piccolo paese di Masseria, in fondo alla valle. In cima alla mia personale to do list di cosa vedere in Val Ridanna, fidatevi.

cosa vedere in val ridanna

Val Ridanna: Cascate di Stanghe

Anche qui, un applauso alla natura è assolutamente doveroso. L’elemento è l’acqua: quella che scorre, scava e dà forma, quella che con il passare degli anni è riuscita a scavare una stretta gola nel marmo bianco (l’unica del genere in tutta l’Europa), creando uno spettacolo davvero mozzafiato.

Il cuore delle Cascate di Stanghe si raggiunge in circa 60 minuti di cammino, insinuandosi tra pareti marmoree nere, verdi e a tratti di un bianco accecante, oltrepassando strette passerelle e salendo su per ripide scalette, così solide e sicure da rendere il percorso adatto anche ai bambini. Si arriva così lì, al centro del tutto, tra il fragore e gli spruzzi dell’acqua: imperdibile.

Orario d’apertura Cascate di Stanghe
Inizio Maggio – inizio Novembre dalle ore 9 alle ore 17
Luglio – Agosto dalle ore 9 alle ore 18
Prezzo d’ingresso
Adulti € 4, bambini € 2
Informazioni Cascate di Stanghe
Associazione Turistica Racines

Val Ridanna: giro delle miniere

Monteneve fu la più grande miniera di piombo, argento e zinco del Tirolo, nonché la più alta miniera d’Europa. Chiusa definitivamente nel 1985, dopo una gloriosa storia, è oggi una miniera aperta al pubblico grazie all’ottima conservazione dei suoi impianti.

Le miniere della Val Ridanna donano un’esperienza da veri minatori ad adulti e bambini che, accompagnati da guide locali (in gran parte discendenti da famiglie di minatori) possono toccare con mano e scalpello il duro lavoro dell’estrazione dei minerali. Gli impianti originali delle miniere della Val Ridanna sono ancora funzionanti e, durante la visita, vengono azionati.

Val Ridanna hotel

Cosa vedere in Val Ridanna ma anche dove rilassarsi. Per il pernottamento e il godimento di sacrosanti momenti di puro relax, vi consiglio l’Hotel Sonklarhof per tre motivi: la piscina esterna riscaldata, in inverno magicamente circondata a 360° dalla neve; l’atmosfera assolutamente familiare; la vicinanza a Vipiteno, piccolo e affascinante borgo alpino dalle case colorate e le piazze pittoresche, inserita tra i centri storici più belli d’Italia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>