Ceglie Messapica

Tuffo a Torre Guaceto -> caffè a Santa Sabina -> panino a Ceglie Messapica: il riassunto del mio ultimo giorno di agosto.

Mi sono trasferita in Valle d’Itria? Non ancora, ma ci sto seriamente pensando. Ciò che mi spinge a scrivere alle 00.31, però, non è la mia più che evidente fissazione per quello che al momento considero il più bell’angolo di Puglia, ma una riflessione a caldo sul panino cegliese.

Panino cegliese, ovvero, quella che noi a Bari chiamiamo rosetta o michetta con: mortadella, tonno, capperi e provolone. Mortadella e tonno? Sì. Mortadella e capperi? Esatto. Un abbinamento un tantino azzardato, io stessa ho subito pensato “mai nella vita”. Chiaramente dopo 3 secondi mi sono avvicinata alla vera protagonista di questo post e le ho chiesto “un panino cegliese per favore”. Idee chiare e coerenza prima di tutto.

Non conosco la sua età, ma un 8 davanti ci scappa. Suppongo si chiami Angelina, ma non ho la certezza (la chiamerò così perché questo nome le calzava comunque a pennello). Insomma di lei non so nulla, tranne che versa la Raffo con un’eleganza d’altri tempi e senza ‘fare la schiuma’. So anche che dietro a quel bancone del 1919 (anno di nascita del locale e niente poco di meno che della birra Raffo) ci sta perfettamente, sembra parte dell’arredamento, parte della piazza di Ceglie Messapica. La vedi lì e pensi che non dovrebbe essere altrove. Angelina si fa pagare solo dopo che il panino (preparato da quella che suppongo essere la figlia) arriva nelle tue mani; le dai 1.50 euro, lei ti sorride, ti saluta e cosa eccezionale ti fa lo scontrino. L’eccezionalità del fatto arriva dopo 2 giorni in Puglia tra ricevute ‘che creavano problemi’ e scontrini fantasma, quindi brava Angelina! E poi guardatela, la beltà nascosta dietro un grembiule a fiori, uno chignon e un ciuffo ondulato.

Ceglie Messapica

Con il panino e una Raffo tra le mani (paese che vai birra che trovi, quindi niente campanilismo), ti siedi sui 4 gradini antistanti e ti godi la piazza. Ora, mortadella e tonno è incredibilmente una gran bella accoppiata e quei capperi rendono il tutto più “spiritoso”, giusto per citare una grande cuoca. Quindi questo panino cegliese ci sta tutto, ecco il mio responso. E poi parliamone, costa 1.50 euro, il sogno.

Se passate da Ceglie (l’ho già scritto in passato, ma ribadisco: semplicemente bella bella bella) e arrivate in Piazza Plebiscito trovate la Birreria Zanghett al civico 44. Su quelle scale, con il panino in una mano e una birra nell’altra, con Angelina, le sedie pieghevoli di legno e un gruppo di vecchietti che ti fissa mentre fai la foto al panino cercando di prendere la piazza, puoi solo pensare che la vita in Valle d’Itria è vita.

Ceglie Messapica

  1. Credo che esista veramente chi legge nel pensiero… Chiunque abbia scritto questo ha letto nei miei pensieri… Si Angelina e’ una persona meravigliosa , come lsua figlia Giuseppina, le loro famiglie e tutta la comunità cegliese… Senza dimenticare il panino cegliese e la cucina cegliese in genere che dire tutto genuino, stupendo e senza ” segreti” batrbara e sanzio mirabello Ferrara

    • Non posso che concordare assolutamente su tutto :) Paese e persone eccezionali, semplici ed educatissime. Sul cibo, vabbè, Ceglie vince senza se e senza ma!
      p.s. confermi che si chiama Angelina! Risolto l’arcano

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram Access Token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

Error: No posts found.

Make sure this account has posts available on instagram.com.