Si sparge velocemente, si insinua nei vicoli, inonda le piazze.
È un’aria che arriva da lontano, che profuma di mondo e che dal mondo trae tutta la sua energia restituendo senso, significato, vita.
È una forza rara.
È la forza dell’arte.

Andria. La città dei tre campanili e di Castel del Monte.
La città di Castel dei Mondi, un festival internazionale ideato 22 anni fa per esplorare la scena contemporanea nelle Arti. Un festival alla scoperta di altri Mondi che osserva e presenta quanto di più nuovo e originale la creatività internazionale produce, cercando proprio lì, dove gli altri non guardano.

Sono davvero pochi i festival ad aver superato la soglia della doppia decade: due nel Sud Italia, quindici in tutta Italia. I festival vivono a lungo solo se amati dal pubblico, quel pubblico che cerca, partecipa, anima con l’entusiasmo del nuovo. Castel dei Mondi è uno di quei quindici.

Festival Internazionale di Andria Castel dei Mondi 2018

Il tempo della città. Un tema, quello del 2018, che rimarca la connessione tra il tempo e la comunità.
10 giorni animati da spettacoli d’eccellenza, nei luoghi simbolo della città (il festival, iniziato il 21 settembre, terminerà domenica 30) . Un viaggio nell’arte che spazia dal teatro classico a quello sperimentale, dalle esibizioni acrobatiche a quelle di danza. Parole d’ordine: stupire e meravigliare.

Un festival che regala domanda. E certamente, anche qualche risposta.

Castel_dei_mondi_andria

Structure monumentale: Castel del Monte

Tra i progetti in programma, quello del marsigliese Olivier Grossetete, l’artista che ha dedicato gli ultimi 15 anni a realizzare nel mondo decine di megastrutture monumentali partecipate utilizzando solo cartone, nastro adesivo e manodopera dei volontari e del pubblico che segue le sue installazioni.

Per Castel dei Mondi realizzerà in Piazza Catuma una costruzione in cartone di Castel del Monte alta più di 10 metri. Le sue opere partecipate esprimono la gioia di creare insieme qualcosa di effimero che, a distanza di 24 ore dalla sua costruzione, andrà distrutto lasciando nella memoria l’impatto della sua forza visiva.

Dove: Piazza Catuma
Quando: 28 Settembre COSTRUZIONE della struttura ore 15.00
29 Settembre DISTRUZIONE della struttura dalle 16:00

Todo lo que està a mi lado

Una performance sognante, fatta di confidenze sussurrate a letto.
Fernando Rubio, drammaturgo e artista visivo argentino, dispone sette letti in diversi spazi della città, ognuno dei quali accoglierà un’attrice che racconterà a uno spettatore (a turno) una storia. Stabilire legami inconsueti e profondi tra attori e spettatori è la cifra caratteristica del lavoro di Rubio. Nei suoi progetti crea spazi e storie che ci spingono a guardarci con occhi diversi, prendendo elementi e oggetti quotidiani e trasportandoli in un contesto nuovo, diverso da quello reale.

Dove: Piazza Catuma e altri spazi urbani
Quando: dal 26 al 30 settembre alle ore 21.00

Todo lo que está a mi lado, Buenos Aires - 2015. Ph. Secretaría de Cultura de la Nación

Todo lo que está a mi lado, Buenos Aires – 2015.
Ph. Secretaría de Cultura de la Nación

Per l’intero programma di questi ultimi giorni di Castel dei Mondi vi rimando al sito ufficiale dell’evento, in cui troverete anche tutti i luoghi delle rappresentazioni.

Con WeShowPuglia a Castel dei Mondi

Sarà Andria, con Castel dei Mondi, la quarta tappa di WeShowPuglia. Il 28 settembre vi racconterò la città seguendo il filo dei sapori, della storia e della tradizione. Seguirò la costruzione in cartone di Castel del Monte e le parole sussurrate di Rubio, seguirò il vento dell’arte in quei vicoli accoglienti e tortuosi.

Per accompagnarmi, con Ezio Totorizzo e Manuela Vitulli, in questa lunga giornata di arte e bellezza, potrete seguirmi sui canali ufficiali di PugliaPromozione, @WeAreInPuglia e @PugliaEvents. Hashtag da seguire: #WeShowPuglia #WeAreInPuglia e #PugliaEvents.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>