ravenna-centro-storico

Mi è tornato in mente un vecchio corso di scrittura creativa: “chiudi gli occhi e concentrati sui primi 3 elementi che ti vengono in mente. Poi buttali giù, nero su bianco.” È una cosa che faccio spessissimo, in teoria perché sono votata alla confusione, in pratica perché mi diverte. In viaggio è uno di quegli esercizi che mi fa inconsciamente capire cosa resterà impresso nella mia scarsa memoria per i secoli dei secoli. Sempre così, su due piedi, senza pensarci troppo.

Le stelle di Galla Placidia, le biciclette, la piadina del Ca’ de Vèn.

Ravenna è questo. È Arte: la A maiuscola davanti a 8 patrimoni mondiali dell’Unesco mi sembra il minimo. Il cielo stellato del Mausoleo di Galla Placidia, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, la Basilica di San Vitale: li elenco perché, davvero, non saprei da dove partire per descrivere tanta bellezza. Fermarsi, riempirsi letteralmente gli occhi e sentirsi meglio, con qualcosa in più, più felici. Non saprei spiegarlo meglio ma è quello che ho provato. Da una parte i mosaici, di quelli che fanno solo pensare “ok, e ora l’uomo cosa può fare di più?”, dall’altra Dante e Teodorico, i battisteri, le piccole cappelle e i monumenti alla memoria.

Poi c’è il centro storico: la pietra, i fiori, le biciclette, le facciate pastello. C’è la bellissima vetrina di Bubani, chi ha l’arte nelle mani, chi tiene unite tre generazioni tra il profumo di spezie e erbe. C’è la lasagna verde (porzione da viaggio in Paradiso) e la Crema di Ravenna del Ristorante La Gardèla, la piadina – superiore, davvero superiore – del Ca de Vèn.

Ravenna-mosaici

Ci sono loro, i romagnoli. Quelli che non ti fanno rimpiangere i pugliesi, che ti fanno sentire a casa, che hanno l’ospitalità nel sangue, la risata contagiosa (Maurizio questa è per te), la voglia di bere e mangiare, insomma, la felicità del vivere. Un grazie ad Alice dell’Erboristeria Le Radici, la donna che con 3 prodotti magici è riuscita ad evitare la mia ricaduta nel tunnel della bronchite, a Betty, Alessandra, Patrizia, insomma, a tutti gli imprenditori del progetto Souvenir Ravenna, nato proprio con l’obiettivo di animare, rivalutare e promuovere il centro storico. Non sono figlia degli ipermercati, piuttosto sono figlia delle botteghe, quelle in cui entri per l’acquisto X ed esci con un consiglio su cosa vedere in città. Loro esprimono chiaramente questo spirito. Bravi.

Cosa fare: prendere una bicicletta e raggiungere il mare. Magari al tramonto per un Happy Bio, bella iniziativa che propone ottimi aperitivi a km 0. Tra gli stabilimenti balneari vi segnalo Bologna per 3 motivi: la sua proprietaria, dolcissima e bravissima imprenditrice, una “lavoratrice” di quelle vere. La sostenibilità della struttura: no al cemento e alle vernici tossiche, sì a pannelli solari e pedane in legno. Dulcis in fundo: il centro benessere in riva al mare, l’esaltazione. Peraltro nel ristorante si mangia strabene: gnocchetti con salmone, 10 e lode.

Ravenna-mare

Info: Ufficio Turismo del Comune di Ravenna

Da Ravenna a Forlì

Il passo è breve. Parto da un consiglio, perché penso di aver trovato un piccolo angolo di Paradiso nel mondo del grande Fausto Faggioli, Presidente di E.A.R.T.H. Academy: Borgo Basino, Fattorie Faggioli, località Cusercoli giusto per essere precisi precisi. In realtà intorno è solo verde, boschi e colline, chiamatela pace dei sensi, chiamatelo Eden, chiamatelo come vi pare, io so solo che sarei rimasta lì per intere giornate a mangiare torte appena sfornate, bere tè e importunare Tobia. Stop.

fattorie faggioli

roberta-longo-blogger

E a Forlì che si fa? Si passeggia in Piazza Saffi; si sale in cima al Campanile; si va assolutamente ai Musei San Domenico, lì dove avrei potuto passare ore in adorazione dell’Ebe di Antonio Canova; si fa una pausa pranzo strepitosa da Eataly, a La Trattoria di Giuliana, magari al seduti al “Tavolo dei fortunati” con vista panoramica sulla piazza; e a cena ecco la famosissima pizza della Pizzeria del Corso (aggiungeteci un tiramisù, fidatevi). E anche qui si fa shopping: dopo Souvenir Ravenna arriva Souvenir Forlì, progetto in fase di rodaggio nato da appena un anno. E quindi sì, perdiamoci nei centri storici, conosciamo chi li anima e, soprattutto, sosteniamo l’economia territoriale con acquisti locali e sostenibili.

Info: Ufficio Turistico del Comune di Forlì

Avevo deciso di chiudere il post con una foto, poi mi è rimbombata nella mente una frase, quella giusta, che racchiude un po’ lo spirito della Romagna, quella felicità del vivere di cui parlavo sopra: “chi non si gode la vita è un patacca!”. Grazie Fausto per queste parole che arrivano dritte al punto!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram Access Token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

Error: No posts found.

Make sure this account has posts available on instagram.com.